Il trattamento di vaporizzazione superficiale (OX, dall’inglese oxidizing) consente di creare microporosità o piccole fossette sulla superficie dell’utensile. Le gocce o le molecole di lubrificante si accumulano all’interno di esse e incrementano l’efficacia della lubrificazione.

L’accresciuta lubrificazione riduce l’attrito tra l’utensile e il pezzo da lavorare e aiuta a prevenire l’incollatura del truciolo sul corpo dell’utensile. La migliore lubrificazione del tagliente tagliente, inoltre, migliora la finitura superficiale del filetto interno. La vaporizzazione superficiale non ha effetto diretto sulla durezza o la rigidità dell’utensile, ma, indirettamente, allunga la vita utile dei maschi per effetto dell’incremento di lubrificazione.

Vaporizzazione superficiale: confronto fra utensile trattato (a destra) e non trattato

Vediamo un esempio pratico di quanto affermato: consideriamo la maschiatura di un acciaio inossidabile AISI 304 (durezza 165~171 HB). Il grafico qui sopra confronta la vita utile di un maschio elicoidale SP-VA senza trattamento superficiale (a sinistra, nell’immagine) e lo stesso utensile per il quale è stata eseguita la vaporizzazione (a destra). Come si osserva, nel caso di trattamento superficiale la vita utile dell’utensile è pressoché triplicata.

Alla luce di queste considerazioni, Yamawa raccomanda l’uso di maschi con trattamento superficiale OX di vaporizzazione per la lavorazione di acciai inossidabili e di materiali duttili e facilmente saldabili, quali gli acciai a basso tenore di carbonio.